Login
Attenzione: il sito è in manutenzione e alcune pagine potrebbero non essere visualizzate correttamente.
Contiamo di mettere online la versione definitiva al più presto, scusateci per il disagio.

Statuto

 

ASSOCIAZIONE
Oltreiconfini”

 STATUTO

ART. 1 - COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE DELL’ASSOCIAZIONE

  1. E’ costituita l’Organizzazione di Volontariato, denominata “Associazione Oltreiconfini”.

  2. L’Organizzazione ha sede legale nel Comune di Quarto d’Altino, via Roma 92.

  3. Il mutamento della sede legale, nel Comune di Quarto d'Altino, può essere deliberata dall'Assemblea degli aderenti con le modalità previste agli artt. 14 e 15.

  4. Qualora se ne presenti la necessità, il Consiglio Direttivo dell'O.d.V., sentita l’Assemblea degli aderenti, potrà deliberare l’apertura di nuove sedi della stessa Organizzazione anche nel territorio di altri Comuni.

ART. 2 - AMBITO DELLO STATUTO

  1. L’O.d.V. “Associazione Oltreiconfini” è disciplinata dal presente Statuto ed agisce nei limiti della legge 11/08/1991 N. 266, delle leggi regionali di attuazione e dei principi generali dell’ordinamento giuridico.

  2. L’Assemblea degli aderenti delibera l’eventuale Regolamento di esecuzione dello Statuto per la disciplina degli aspetti organizzativi più particolari.

ART. 3 - EFFICACIA DELLO STATUTO

  1. Lo Statuto vincola gli aderenti all'Organizzazione alla sua osservanza e costituisce la regola fondamentale di comportamento dell’attività dell'Organizzazione.

ART. 4 - MODIFICHE DELLO STATUTO

  1. Il presente Statuto può essere modificato con deliberazione dell’Assemblea adottata con la presenza almeno dei tre quarti degli aderenti e il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

ART. 5 - INTERPRETAZIONE DELLO STATUTO

  1. Lo Statuto è interpretato secondo le regole dell’interpretazione dei contratti e secondo i criteri dell’art. 12 delle preleggi al codice civile.

ART. 6 - FINALITA’ DELL’ASSOCIAZIONE

1. L'O.d.V. persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale con l’obiettivo di valorizzare e assistere la persona nei momenti di necessità e disagio sia fisico sia psicologico. In particolare l’Associazione Oltreiconfini si propone di:

a) favorire l'integrazione delle persone provenienti da altri Paesi nella comunità locale per promuoverne il benessere sociale e facilitarne la relazione con il territorio. Per il raggiungimento di questo scopo l'Associazione si propone di realizzare i seguenti interventi diretti, concreti e gratuiti: corsi di alfabetizzazione e di insegnamento della lingua italiana per stranieri adulti; sostegno nello studio per studenti stranieri di prima o seconda generazione iscritti alle scuole superiori; servizio di orientamento sociale e informazione;

b) creare occasioni di incontro, scambio, conoscenza tra la comunità locale e le persone di provenienza e cultura diverse anche proponendo stimoli alla riflessione sulle diversità culturali;

c) contribuire alla realizzazione di progetti di cooperazione internazionale, come occasione di condivisione dei diritti fondamentali che devono essere garantiti ad ogni uomo e come occasione di crescita e di scambio tra la nostra comunità locale e le realtà locali dei Paesi altri".

2.Per il perseguimento di tali fini, l'O.d.V. intende collaborare con le Istituzioni, le forze sociali, altri gruppi e associazioni.

ART. 7 - AMBITO DI ATTUAZIONE

  1. L’O.d.V. “Associazione Oltreiconfini” opera prevalentemente nel territorio della Regione Veneto.

ART. 8 - ADESIONE

  1. Possono aderire all’O.d.V. “Associazione Oltreiconfini” le persone fisiche che ne condividono le finalità e si impegnano a rispettare il presente Statuto.

  2. Il Comitato Direttivo deliberasulla quota associativa e sull’ammissione dei richiedenti.

  3. Gli aderenti che intendono recedere dall’O.d.V. possono farlo in qualsiasi momento, previa comunicazione scritta al Comitato Direttivo.

ART. 9 - DIRITTI DEGLI ADERENTI

  1. Gli aderenti hanno il diritto di eleggere gli organi dell’O.d.V., e di essere eletti alle cariche sociali.

  2. Gli aderenti hanno il diritto di essere informati sulle attività dell’O.d.V. e di controllare che l’andamento della medesima sia conforme a quanto stabilito dallo Statuto e dalle Leggi.

  3. Gli aderenti hanno il diritto di essere rimborsati delle spese effettivamente sostenute per l’attività prestata, ai sensi di Legge.

ART. 10 - DOVERI DEGLI ADERENTI

  1. Gli aderenti all’O.d.V. “Associazione Oltreiconfini” hanno il dovere di svolgere la propria attività in modo personale, spontaneo e gratuito, senza scopo di lucro.

  2. Il comportamento di ciascun aderente verso gli altri aderenti e all’esterno dell’O.d.V. deve essere animato da spirito di solidarietà, correttezza, onestà e rigore morale.

ART. 11 - ESCLUSIONE

  1. L’aderente che contravviene ai doveri stabiliti dallo Statuto può essere escluso dall’O.d.V. L’esclusione di un aderente dall'Organizzazione deve essere deliberata dall’Assemblea con voto segreto e solamente dopo aver ascoltato le giustificazioni dell’interessato.

ART. 12 - ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

  1. Sono organi dell’O.d.V.: l’Assemblea, il Comitato Direttivo, il Presidente e il Vicepresidente, il Tesoriere.

  2. Tutte le cariche associative sono assunte a titolo gratuito

ART. 13 - L’ASSEMBLEA

  1. L’Assembleaè l'organo sovrano dell'Associazione ed è composta da tutti gli aderenti all’O.d.V. L'Assemblea approva il conto consuntivo e il bilancio preventivo annuali e prende le decisioni fondamentali in merito agli orientamenti dell'Associazione stessa.

  2. L’Assemblea è presieduta dal Presidente oppure, in sua assenza, dal Vicepresidente.

ART. 14 - CONVOCAZIONE E VALIDITA’ DELL’ASSEMBLEA

  1. L’Assemblea si riunisce almeno una volta all’anno, su convocazione del Presidente e ogni qualvolta ne faccia richiesta il Comitato Direttivo o il 10% degli aderenti.

  2. Il Presidente convoca l’Assemblea con avviso contenente l’o.d.g., almeno 7 giorni prima.

  3. In prima convocazione l’Assemblea è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno degli aderenti presenti in proprio o per delega da conferirsi ad altro aderente.

  4. In seconda convocazione, l’Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli aderenti presenti, in proprio o in delega.

  5. Non è ammessa più di una delega per ciascun aderente.

  6. Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità, gli amministratori non hanno diritto di voto (art. 21 Codice Civile)

ART. 15 - VOTAZIONE

  1. L’Assemblea delibera a maggioranza dei voti dei presenti, ferme restando le limitazioni previste per modifiche allo Statuto e per lo scioglimento dell’O.d.V.

  2. I voti sono palesi, tranne quando riguardano persone.

ART. 16 - VERBALIZZAZIONE

  1. Le discussioni e le deliberazioni dell’Assemblea sono riassunte in un verbale redatto dal Segretario o, in sua assenza, da un componente dell’Assemblea e sottoscritto dal Presidente.

  2. Il verbale è tenuto, a cura del Presidente, nella sede dell’Organizzazione.

  3. Ogni aderente dell’Organizzazione ha diritto di consultare il verbale.

ART. 17 - COMITATO DIRETTIVO

  1. Il Comitato Direttivo viene eletto dall'Assemblea degli aderenti ed è composto da 9 membri, compresi il Presidente, il Vicepresidente e il Tesoriere.

  2. Il Comitato Direttivo stabilisce i regolamenti interni e i programmi annuali; definisce l'attuazione del programma e l'amministrazione dei fondi; convoca l'Assemblea generale degli aderenti; nomina, a maggioranza di voti fra i propri membri, il Vicepresidente e il Tesoriere.

  3. Il Comitato Direttivo è validamente costituito quando è presente la maggioranza dei componenti.

  4. Il Comitato Direttivo dura in carica 3 anni. Esso può essere revocato dall’Assemblea con la maggioranza dei presenti.

ART. 18 - FUNZIONI DEL COMITATO DIRETTIVO

  1. Il Comitato Direttivo è l’organo di governo e di amministrazione dell’O.d.V. Esso opera in attuazione delle volontà e degli indirizzi generali dell’Assemblea alla quale risponde direttamente.

  2. Le deliberazioni del Comitato Direttivo sono assunte a maggioranza dei presenti.

ART. 19 - PRESIDENTE

  1. Il Presidente dell’O.d.V. è anche Presidente del Comitato Direttivo ed è eletto dall’Assemblea tra i suoi componenti a maggioranza di voti.

  2. Il Presidente rappresenta l'O.d.V. e compie tutti gli atti che la impegnano; presiede l'Assemblea e il Comitato Direttivo, cura lo svolgimento dei lavori, sottoscrive i verbali.

  3. Il Presidente dura in carica quanto il Comitato Direttivo.

  4. Il Presidente può essere revocato dall’Assemblea, a maggioranza dei presenti.

  5. Almeno un mese prima della scadenza del proprio mandato, il Presidente convoca l’Assemblea per l’elezione del nuovo Presidente.

ART. 20 – IL VICEPRESIDENTE

  1. Il Vicepresidente sostituisce il Presidente in ogni sua attribuzione ogniqualvolta questi sia impedito nell'esercizio delle sue funzioni.

ART. 21 – IL TESORIERE

Il Tesoriere è il responsabile della gestione amministrativa e finanziaria dell’Associazione inerente l’esercizio finanziario e la tenuta dei libri contabili. Cura la redazione dei bilanci consuntivo e preventivo sulla base delle determinazioni assunte dal Consiglio. Ha facoltà di eseguire ogni e qualsiasi operazione inerente le mansioni affidategli dagli organi statutari. Ha firma libera e disgiunta dal Presidente del Consiglio per importi il cui limite massimo viene definito dal Consiglio Direttivo.

ART. 22 - RISORSE ECONOMICHE E BENI

    1. Le risorse economiche dell’O.d.V. sono costituite da: quote associative e contributi ordinari; contributi straordinari; donazioni; proventi da attività marginali di carattere commerciale e produttivo; ogni altro tipo di entrate ammesse ai sensi della L. 266/1991.

  1. I contributi ordinari sono costituiti dalla quota associativa degli aderenti, stabilita dall’Assemblea.

  2. I contributi straordinari sono elargiti dagli aderenti, o dalle persone fisiche o giuridiche estranee all’O.d.V.

  3. Le erogazioni liberali in denaro e le donazioni sono accettate dall’Assemblea che delibera sulla loro utilizzazione in armonia con le finalità statutarie dell’O.d.V.

  4. I lasciti testamentari sono accettati, con beneficio di inventario, dall’Assemblea che delibera sull’utilizzazione di essi, in armonia con le finalità statutarie dell’O.d.V.

  5. L’O.d.V. non può distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, durante la propria vita, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre O.d.V. che per Legge, Statuto o Regolamento, perseguono scopi analoghi.

  6. L’O.d.V. ha l’obbligo di impiegare gli eventuali utili o avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

  7. I proventi derivanti da attività commerciali o produttive marginali sono inseriti in apposita voce del bilancio dell’O.d.V. L’utilizzazione di questi viene deliberata dall’Assemblea e deve essere comunque in armonia con le proprie finalità statutarie e con i principi della L. 266/199.

  8. I beni dell’O.d.V. sono beni immobili, beni registrati mobili e beni mobili. I beni immobili ed i beni registrati mobili possono essere acquistati dall’O.d.V. e sono ad essa intestati. I beni immobili, i beni registrati mobili, nonché i beni mobili che sono collocati nella sede dell’O.d.V. sono elencati nell’inventario, che è depositato presso la sede.

ART. 23 - SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE

  1. Lo scioglimento dell'O.d.V. “Associazione Oltreiconfini” deve essere deliberato dai tre quarti degli aderenti in Assemblea straordinaria. L'Assemblea straordinaria delibererà inoltre a chi destinare il residuo patrimonio sociale, che dovrà essere devoluto a un'altra O.d.V. operante in un settore analogo.

ART. 24 - DIPENDENTI E COLLABORATORI

  1. L’O.d.V. può assumere dei dipendenti nei limiti previsti dalla L. 266/91 e può giovarsi dell’opera di collaboratori di lavoro autonomo (per sopperire a specifiche esigenze).

  2. I rapporti tra l’O.d.V. ed i dipendenti sono disciplinati dalla Legge e da apposito regolamento adottato dall’Organizzazione stessa.

  3. I rapporti tra l’O.d.V. ed i collaboratori di lavoro autonomo sono disciplinati dalla Legge e dal contratto collettivo di lavoro.

  4. I dipendenti e i collaboratori di lavoro autonomo sono assicurati contro le malattie, l’infortunio e per la responsabilità civile verso terzi, ai sensi di Legge e di regolamento.

ART. 25 - BILANCIO E CONTO CONSUNTIVO

  1. I documenti di bilancio dell’O.d.V. sono annuali e decorrono dal primo gennaio di ogni anno.

  2. Il bilancio preventivo contiene tutte le previsioni di spesa e di entrata per l’esercizio annuale successivo suddiviso in singole voci. Esso è elaborato dal Comitato Direttivo

  3. Il conto consuntivo contiene tutte le entrate intervenute e le spese sostenute relative all’anno trascorso suddivise per singole voci. Esso viene elaborato dal Comitato Direttivo.

  4. Il bilancio preventivo è approvato dall’Assemblea con voto palese e con la maggioranza dei presenti. Esso è depositato presso la sede dell’O.d.V. 15 giorni prima della seduta e può essere consultato da ogni aderente.

  5. Il bilancio consuntivo è approvato dall’Assemblea entro il 30 aprile dell’anno successivo al suo esercizio, con voto palese e con la maggioranza dei presenti. Esso è depositato presso la sede dell’O.d.V. 15 giorni prima della seduta e può essere consultato da ogni aderente.

ART. 26 - CONVENZIONI

  1. Le convenzioni tra l’O.d.V. ed altri enti e soggetti sono deliberate dal Comitato Direttivo che delibera anche sulle modalità di attuazione della stessa.

  2. La convenzione è stipulata dal Presidente dell’O.d.V. e copia di essa è custodita nella sede dell’O.d.V.

ART. 27 - RESPONSABILITà ED ASSICURAZIONE

  1. Gli aderenti all’O.d.V. sono assicurati per malattie, infortunio e per la responsabilità civile verso terzi ai sensi dell’art. 4 della L. 266/91.

  2. L’O.d.V. risponde con le proprie risorse economiche dei danni causati per inosservanza delle convenzioni stipulate.

ART. 28 - RAPPORTO CON ALTRI ENTI E SOGGETTI

  1. L’O.d.V. disciplina con apposito regolamento i rapporti con gli altri soggetti pubblici o privati e con i soci.

ART. 29 - DISPOSIZIONI FINALI

  1. Per quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle normative vigenti ed ai principi generali dell’ordinamento giuridico.